I Martedì Critici

TOULOUSE LAUTREC , guardone malato e padre del futuro, di Claudia Colasanti (Il Fatto quotidiano, 2-12-2015)

the-englishman-at-the-moulin-rouge-1892

A parte la regale discendenza (era conte) – che non gli servì quasi a nulla – non gliene mancava una, di sfortuna. Henri de Toulouse-Lautrec possedeva tutte le caratteristiche del protagonista ‘maledetto’ – soprattutto in contrasto con quella Parigi sfavillante e vivace di fine Ottocento – essendo deforme, nano, guardone, fru- strato, sifilitico e alcolista. Narrano le biografie fosse nato nel 1864 e morto di malattia poco prima di compiere 37 anni – tra le braccia del- la protettiva madre – e senza mai intuire di poter diventare l’apripista della modernità, uno tra i più celebri pittori e illustratori del mondo.

Tutto sarà sotto i nostri occhi da domani, a Roma, presso l’Ara Pacis, con una grande mostra a lui dedicata, grazie a circa 170 opere provenienti dal Museo di Belle Arti di Budapest, prodotta da Roma Capitale e Arthemisia Group (catalogo edito da Skira) fino all’8 maggio 2016. In questa occasione potremo conoscere anche tutta la sua immensa opera grafica: Toulouse-Lautrec fu, oltre che pittore, tra il XIX e XX secolo, un maestro di manifesti e stampe illustrazioni, copertine di spartiti e locandine.

Come spesso accade, il tempo – in questo caso appena un centinaio d’anni – ha mutato di segno il suo temperamento sregolato, descrivendo un’insospettabile parabola al contrario: Lautrec è, per noi, il vero padre della vita moderna. Cresciuto con la prima luce elettrica e la fibrillazione della nuova città metropolitana, narra – dipingendo di getto – la vita notturna, il campo di corse, la musica dal vivo, il caffè-concerto, il cabaret. Categorie che gli artisti prima di lui e i suoi contemporanei, compresi gli Impressionisti, avevano de- scritto con più pudore e li-miti per apparire vividi e re- spirabili come le atmosfere di un quartiere, Montmartre, simbolo di spensierata – talvolta abissale – rinascita del costume. Il suo soggetto è costantemente la gente, il proletariato, le ballerine e le prostitute, gli uomini con la tuba, compresi i loro sfrena- ti divertimenti, finalmente osservabili anche dalla (forse) ignara e curiosissima borghesia francese.

IL PERCORSO, curato da Zsuzsa Gonda e Kata Bodor, è articolato in cinque sezioni tematiche, a partire dalle sue esperienze formative, alle opere degli esordi e a quelle del primo periodo parigino, influenzato da alcuni colossi contemporanei come Gauguin e Van Gogh. Poi in mostra molte versioni dei celebri ‘bordelli’ e dei teatri di Montmartre, come ad esempio “L’inglese al Moulin Rouge”, e le descrizioni dettagliate di alcune attrici dell’epoca, e della danzatrice di can can la Gouloue ne “Al Moulin Rouge: La Goulue e sua sorella”, sempre del 1892. È invece del 1889 il primo celebre manifesto per il Moulin Rouge, tra i principali luoghi della vita notturna, divenuto l’emblema del- la sua curiosità per le sale da ballo e i caffè. Tra il 1892 e il 1895 l’artista trascorre intere settimane nelle altre “maison close” vicine all’Opera e alla Borsa di Parigi, osservando e segnando come in un taccuino il movimento delle ragazze, men- tre riposano o si truccano e dipinge “La pagliaccia seduta: Mademoiselle Cha-U-Kao” e “Il grande palco”.

HENRI de Toulouse-Lautrec, il nano, diventa il genio del movimento: spoglia le danzatrici e va oltre. Oltre i luoghi della notte, le cantanti, gli acrobati, i ciclisti, i cavallerizzi, i pagliacci: le ragazze mercenarie sono in primo piano, dal 1984 in poi, in centinaia di tele, pastelli, guazzi, disegni e poi nelle più fruibili litografie e stampe.

 

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.