I Martedì Critici

11.324 i visitatori alla mostra “Fragili eroi. Storia di una collezione” al Museo Bilotti!

TanoFestaFragiliEroiDomenica 10 aprile si è chiusa la mostra “Fragili eroi. Storia di una collezione”, inauguratasi il 10 febbraio presso il Museo Bilotti di Roma. La mostra ha registrato, in soli 2 mesi, 11.324 visitatori!

E’ con grande piacere, e con una punta di orgoglio, che informiamo i nostri iscritti e i lettori di Hidalgoarte di questo successo.

L’Associazione culturale Hidalgo ha creduto in questo progetto e lo ha sostenuto materialmente e organizzativamente nella convinzione che, anche con piccoli mezzi, si possono fare grandi cose.

Questi numeri dimostrano, inoltre, che la cultura è un settore nel quale ha ancora senso investire. I cittadini romani lo hanno dimostrato, attraverso la loro partecipazione, cosi come le scuole e gli studenti della nostra città i quali, attraverso la visita della collezione di Roberto Gramiccia, hanno potuto ripercorrere visivamente la storia delle Scuole romane dagli anni Trenta ad oggi, a partire dai piccoli capolavori di Mario Mafai Raphael Mafai e Scipione, attraverso la Scuola di Piazza del Popolo di Schifano, Festa ed Angeli, fino alla Nuova Scuola Romana di via degli Ausoni con Pizzi Cannella, Tirelli, Nunzio e Ceccobelli, attraverso singolari “individualità creative” come quella di artisti quali Giacinto Cerone, Cloti Ricciardi, Lucilla Catania e Adele Lotito e molti altri.

Corre l’obbligo di ringraziare, oltre ai componenti dell’Associazione Hidalgo, il Museo Bilotti, in particolare la Direttrice Alberta Campitelli, per aver ospitato e valorizzato l’iniziativa, il curatore della mostra Alberto Dambruoso e naturalmente gli iscritti e i sostenitori dell’Associazione. La mostra Fragili eroi. Storia di una collezione è solo l’antefatto di numerose altre iniziative che saranno possibili, anche e soprattutto, con il sostegno di coloro i quali vorranno iscriversi all’Associazione e alla Newsletter del nostro sito.

 

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.