I Martedì Critici

EMOTIVA. Doppia personale di Brigita Humer e Angelica Romeo, a cura di Cesare Biasini Selvaggi

di Mucciaccia Contemporary

ROMA

MUCCIACCIA CONTEMPORARY

Dal 8 maggio al 15 giugno 2018


A cura di Cesare Biagini Selvaggi

Mucciaccia Contemporary è lieta di presentare EMOTIVA, la doppia personale di Brigita Huemer e Angelica Romeo. 20 opere scelte, di recente produzione, appositamente realizzate per questa occasione. Due ricerche artistiche indipendenti, all’insegna della vitalità del segno per la prima, del gesto per la seconda. Eppure, nello stesso tempo, due ricerche coincidenti nel ricorso al medium pittorico, scandito da Brigita Huemer in una fitta trama di segni che scappano da una superficie di plexiglass all’altra come in una danza caotica, impastato invece sulla tela da Angelica Romeo in campiture madide di colore, trasbordanti quanto contaminate da strati di lacerti di stoffa, per disvelarne le insondate qualità estetiche, espressive che essi posseggono.
La nascita della psicanalisi, grazie a Sigmund Freud, ha rivoluzionato nel XX secolo il concetto dell’interiorità umana: prima l’articolazione della psiche era posta sul dualismo ragione-sentimento, quindi è stata spostata sul dualismo coscienza-inconscio. L’inconscio è quella parte della nostra psiche in cui sono collocati pensieri ed emozioni nascosti, i quali, senza che l’individuo se ne renda conto, interagiscono con la sua coscienza orientando o influenzando le sue preferenze, motivazioni e scelte esistenziali. L’aver individuato questo nuovo territorio dell’animo umano ha aperto notevoli possibilità all’arte contemporanea. A cui attingono entrambe le artiste in mostra. Brigita Huemer (Linz, 1972) ha la sua cifra stilistica riconoscibile nella ripetizione di forme modulari geometrizzanti, stabilite programmaticamente, mediante il ritmico passaggio dalla monocromia, alla scelta dei colori fondamentali, fino a quelli complementari, sempre nella compenetrazione delle campiture cromatiche e, quindi, nel loro reciproco influsso, esprimendo la sensazione ottica del dinamismo. È la conciliazione di essere e divenire, di materia fissa e fluida, di solidità e metamorfosi. È la dicotomia tra maschile e femminile, tra artificio e natura, tra Eros e Thanatos. Non è, dunque, mai una ripetizione monotona e meccanica di se stessa perché ognuna di queste variazioni, in un rapporto causa-effetto, genera un totale spostamento di tutti gli equilibri interni alla composizione pittorica. Alla ricerca di un coinvolgimento sensorio diffuso e “totale” amplificato dalle cangianti superfici in plexiglass scelte come supporto. Angelica Romeo (Roma, 1970), per esempio, può apparire fortemente gestuale, ma il suo intento è comunque quello di raggiungere con il segno un risultato alla fine formale, per quanto nuovo. L’artista romana presenta uno stile in cui l’apparente casualità del gesto e la sua presenza fisica che agisce nel tempo sulla tela hanno una funzione creatrice e caratterizzante. L’esito formale è un rabdomantico polimaterico (acrilici, inserti di stoffe, tecniche miste) che riesce a esprimere le emozioni o le sensazioni più intime attraverso quella cicatriziale scabrosità con cui la pittrice solca la tela.

https://www.mucciacciacontemporary.com/it/

 

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *