I Martedì Critici

Arte e non solo!

di Lucilla Catania

Non è certo un mistero la vocazione animalista di Hidalgoarte.it.

In diverse occasioni, su queste pagine, abbiamo preso posizione a favore degli animali e delle battaglie animaliste volte al miglioramento delle condizioni di vita degli animali d’allevamento in Italia e all’estero.

Difatti, la questione centrale di queste battaglie e non è quella di eliminare del tutto la carne dalla nostra alimentazione, cosa che riguarda solo le scelte personali del singolo individuo. Quanto, piuttosto, del come, noi umani, trattiamo gli animali che mangiamo. La qualità della loro vita e il rispetto dei comportamenti naturali di queste creature durante la loro, sia pur breve, esistenza; nonché il rispetto delle regole preposte alla loro macellazione. Regole stabilite dalla legge italiana.

La grande novità che ha contraddistinto, in questi ultimi anni, l’operato delle associazione animaliste più note, è stata la video-inchiesta. L’efficacia di questo strumento è innegabile! Grazie al coraggioso lavoro degli investigatori sotto copertura, infiltrati negli allevamenti e nei macelli italiani, abbiamo visto la drammatica verità che si nasconde in questi luoghi; un inferno dantesco per questi animali!

Atti di crudeltà gratuita, offese fisiche e verbali, maltrattamenti di vario genere. Il tutto in barba alle leggi dello stato italiano.

Illuminanti e emblematiche sono state le video-inchieste di Animal Equality Italia sulle galline ovaiole allevate in gabbia e, recentissimamente, quelle su due allevamenti di suini nel Nord Italia. Uno di questi, in Piemonte, fornisce la carne per il “famoso” prosciutto di Parma,…da non mangiare più, ovviamente!!

In onore agli animalisti di tutto il mondo, vogliamo riportare la storia dell’animalista francese Brigitte Cothière, tratta da un articolo pubblicato su “La Repubblica» di venerdì 15 luglio 2018, dal titolo:

 

“Le video battaglie della paladina vegana “Ma basta violenze”, di Anais Ginori.

Non ha paura di urtare la nostra sensibilità. Anzi, Brigitte Gothière vuole scioccare, convinta di ciò che disse una volta Paul McCartney: “Se i mattatoi avessero pareti di vetro, diventeremmo tutti vegetariani”.

L’associazione L214 fondata ormai dieci anni fa da Gothière e il marito Sébastien Arsac ha documentato alcune delle pratiche più crudeli che si svolgono in allevamenti e mattatoi francesi, diventando l’incubo del settore. “Quando abbiamo cominciato molte persone non ci credevano” ricorda Brigitte, 45 anni, accogliendoci negli uffici parigini dell’associazione che porta il nome di un articolo del codice rurale che riconosce la sofferenza animale. “Per questo abbiamo deciso di mostrare le prove”.

La coppia ha iniziato la battaglia contro l’ingozzamento delle oche per la fabbricazione del foie gras, registrando decine di video, all’inizio persino con il consenso degli allevatori. “Per un primo periodo non avevano capito cosa volessimo farne”. Le relazioni con i professionisti del settore oggi sono più tese visto il successo di L214, che vanta 30mila iscritti, ha ottenuto la creazione di una commissione parlamentare, costringe molti marchi a correre ai ripari. L’ultimo video contro le galline da uova in gabbia, patrocinato dall’attrice Sophie Marceau, è stato visto 2 milioni di volte. Qualche giorno fa il sindacato dei macellai ha denunciato gli attacchi di alcuni militanti vegani. Sette botteghe sono state imbrattate di vernice rossa, altre hanno avuto le vetrine rotte. “La nostra associazione è contraria a questo tipo di azioni, rifiutiamo qualsiasi forma di violenza” commenta Gothière.

“Nell’immediato non chiediamo neppure che gli allevamenti chiudano, sappiano che non sarebbe realista. Puntiamo a rendere meno crudeli le pratiche”. Ci sono parecchie sfumature morali e politiche tra vegetariani, vegani, anti-specisti, e anche all’interno delle singole famiglie di militanti. Pur dissociandosi dagli attacchi contro i macellai, Gothière fa capire che la polemica ha un altro obiettivo. “Le lobby dell’industria cercano di agitare paure, presentarci come estremisti, proprio perché l’opinione pubblica finalmente ci ascolta”. Il dibattito cresce in Francia, ma anche in Italia e altrove.

“Abbiamo nuove associazioni che ci contattano dal Brasile, dal Giappone, persino dall’Africa”.

Oggi i video arrivano da dipendenti degli allevamenti che sono pentiti e collaborano con l’associazione. Gothière e il marito hanno dovuto affrontare processi, richieste di risarcimento danni. “Finora mai nessuna condanna. I giudici riconoscono che non facciamo diffamazione, ci limitiamo a mostrare la realtà” racconta Gothière, capelli sale e pepe e jeans. Il marito è più discreto, rimane seduto davanti al computer. Coetanei, si sono conosciuti da ragazzi in un liceo scientifico di Clermont-Ferrand. “Una zona rurale e ovviamente carnivora” ricorda Gothière.

Nella famiglia di Sébastien c’erano allevatori di maiali e un nonno macellaio. A vent’anni, mangiando una fetta di prosciutto è stato lui ad avere la folgorazione. La coppia di insegnanti — ormai impiegati a tempo pieno nell’associazione con altri venti dipendenti — è diventata vegeteriana poi vegana. Anche i loro due figli sono cresciuti così. “Per scelta autonoma” precisa Gothière che si è spesso trovata a discutere con altre mamme assai perplesse.

L’associazione adesso fornisce consigli, ricette, ha creato un elenco di ristoranti che propongono menù senza proteine animali. “Oggi la nostra missione non è più solo allertare sulla causa animale” spiega Gothière. “Bisogna spiegare come passare a un nuovo stile di alimentazione. Molti vorrebbero ma non sanno come fare”.

 

 

 

 

 

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.