I Martedì Critici

Roberto Gramiccia e il suo Manifesto della fragilità (Artribune, 22 luglio 2017)

In tempi come quelli attuali, fatti di pragmatismo che sfiora il cinismo anche nel mondo dell’arte, fa specie che si pubblichi un Manifesto che ruota intorno al tema della fragilità. È ciò che propone Roberto Gramiccia, già autore di un fortunato libro intitolato proprio “Elogio della fragilità”. Lo pubblichiamo integralmente e vi invitiamo a discuterne qui sotto.

Le reazioni e le adesioni suscitate dal libro Elogio della fragilità (Mimesis) sono alla base della stesura di questo Manifesto. Chi ne volesse conoscere i presupposti potrà leggere il libro, da pochi mesi in circolazione. L’idea del Manifesto nasce dalla convinzione che la teoria generale della fragilità e le indicazioni che il libro propone, esposte in forma sintetica e programmatica, possano stimolare una discussione proficua e creare le condizioni per il sorgere di un movimento culturale ambizioso. La fragilità, infatti, si presenta come condizione universale  solo apparentemente ostativa, in realtà essa è il presupposto di una contraddizione che genera il movimento di ogni storia, personale e collettiva, a condizione che sia avvertita come una risorsa e non come una condanna. In accordo con il più geniale dei fragili, Giacomo Leopardi, noi vorremmo, nella piena consapevolezza dei nostri limiti, contribuire a promuovere quella “confederazione” di soggettività non rassegnate che si riconoscono nei nostri principi e condividono la nostra prospettiva. Per questo chiediamo l’adesione di tutti coloro che si riconoscono nelle nostre idee e proponiamo di avviare dei veri e propri Stati generali della Fragilità.

MANIFESTO DELLA FRAGILITÀ

Viviamo il tempo dell’arroganza e della sfrenata competizione, che moltiplica solitudini e diseguaglianze. Viviamo il tempo del dogmatismo tecno-scientista e dell’idiotismo individualista, che frammenta e destruttura consegnando l’uomo e il pensiero all’inconsistenza e all’irrazionale. Orgogliosi di una posizione controcorrente, vogliamo stilare i punti salienti di un Manifesto che resiste, reagisce e ricostruisce: un Manifesto della fragilità.
La fragilità è di due tipi: individuale e sociale. La fragilità individuale è comune a tutti perché tutti gli uomini sono fragili, come dimostra lo scarto insanabile fra  le loro aspettative e la possibilità di soddisfarle. La fragilità sociale riguarda coloro i quali appartengono a classi e a soggettività subalterne, che costituiscono oggi un arcipelago complesso e disperso.
Ma la fragilità si divide ancora in passiva e ribelle. La prima è destinata a nutrirsi di inutili speranze e inerte rassegnazione, fino alla depressione e alla disperazione. La seconda è invece il motore della storia dei singoli e delle masse, che ha informato di sé la scalata al cielo dell’uomo sin dalla sue origini.
È nostra intenzione contribuire a trasformare la fragilità da passiva in ribelle. Crediamo infatti che, come la mancanza fa nascere il desiderio, allo stesso modo, la fragilità genera la forza. A condizione che cessi di essere passiva e rassegnata e diventi re-attiva e ribelle, organizzata e indirizzata verso l’autodeterminazione e la libertà dal bisogno.
L’intreccio tra la fragilità individuale, legata alla caducità ontologica del singolo, e quella sociale, legata allo sfruttamento dell’uomo sull’uomo, crea un unicum non frazionabile che è il fondamento di una possibile alleanza dei fragili. Questo fondamento ha a che vedere con la base materiale dell’uguaglianza. Gli uomini sono uguali non per astratti motivi etici, ideologici o religiosi. Gli uomini sono uguali in quanto fragili di fronte all’esperienza della vita.
L’alleanza di fragili consapevoli, ribelli e organizzati rappresenta una forza temibile per l’attuale potere costituito, solo apparentemente invincibile. Quest’alleanza si configura come una possibile corale intesa che va oltre i confini di classi oggi mutate e da reinterpretare, e ben oltre le tradizionali barriere fra credenti e non credenti.
Rispettiamo quei fragili che trovano conforto in una visione teleologica della vita. Ma non ci possiamo permettere di rinviare all’infinito il compito di trasformare la fragilità arresa in fragilità ribelle. A chi non si ribella diciamo che anche la fede è nemica dell’accidia. E che l’inazione alla lunga si trasforma in complicità.
Tutte le imprese umane più grandi nell’arte, come nella scienza, come nello sviluppo del pensiero e dell’azione nascono dalla fragilità. Quest’ultima può non essere consapevole o può agire in modo carsico, ma sempre esiste e fonda le ragioni del nostro operato.
L’arte per sua stessa natura è il territorio di sperimentazione più esclusivo del rapporto fra sensibilità e creatività. La sensibilità è per definizione affine alla fragilità. L’artista quindi è il prototipo di una soggettività fragile e ribelle che si nutre della propria vulnerabilità.
La consapevolezza di queste ragioni, se condivisa e trasparente, regala ai fragili la straordinaria forza che deriva dalla coscienza di non essere soli. Questa forza si moltiplica se l’enorme schiera dei fragili si unisce. Tale unione esalta il principio secondo cui ciascuno vale non per quello che possiede ma per quello che è. A partire dalla consapevolezza della propria e dell’altrui fragilità.
Oggi il dispotismo dei pochi fonda le ragioni del suo primato sulla dispersione molecolare di una moltitudine di fragili resi passivi e rassegnati. Essi, convinti che una presunta inadeguatezza sia alla base della propria condizione, non colgono la misura e la qualità della propria sottomissione a un sistema che li rende schiavi.
Vogliamo convincere chi non ne è consapevole che la fragilità sociale non è un castigo eterno. È il prodotto della disuguaglianza e dell’ingiustizia sociale. E che la fragilità individuale non è una condanna ma la precondizione di ogni affermazione personale. Non si deve nascondere o mascherare, quindi, a se stessi e agli altri. Al contrario, si deve far leva su di essa per cambiare in meglio il corso del proprio destino. Nella natura stessa della fragilità, infatti, è riposto il segreto del suo superamento.

– Roberto Gramiccia

Per adesioni, scrivere a info@hidalgoarte.it

 

http://www.artribune.com/arti-visive/arte-contemporanea/2017/07/manifesto-fragilita-roberto-gramiccia/?utm_source=Newsletter%20Artribune&utm_campaign=ab78708977-&utm_medium=email&utm_term=0_dc515150dd-ab78708977-153807737&ct=t%28%29&goal=0_dc515150dd-ab78708977-153807737

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *