I Martedì Critici

IN OGNI DOVE. La personale di CLAUDIA PEILL

ROMA

ANNA MARRA CONTEMPORANEA

Dal 9 marzo al 22 aprile 2017

a cura di  Giorgia Calò

In mostra è esposto il recente lavoro dell’artista. Opere di medie e grandi dimensioni in cui Claudia Peill rileva la coscienza del paesaggio metropolitano facendo parlare i luoghi dismessi, gli interstizi e i particolari di un tessuto urbano che rimanda ad un’idea “archeologica” della città ipercontemporanea.

Claudia Peill lavora costantemente sull’idea del doppio. Usa a pari livello tanto la pittura quanto la fotografia in uno stato continuo di inganno percettivo.
I frammenti di realtà catturati dallo scatto fotografico elaborato in digitale vengono restituiti al pubblico come forme decontestualizzate e pertanto difficilmente ricollocabili. A queste fanno da contraltare le stratificazioni pittoriche costituite da sovrapposizioni cromatiche che completano la narrativa dell’immagine fotografica. Dunque non c’è alcuna gerarchia tra forma e colore, tra pittura e fotografia che sono fuse in un unico gesto: il particolare di un edificio dismesso, di una miniera abbandonata, di un tombino stradale, tutte queste “desolazioni architettoniche”, portavoce di un’epoca, dialogano costantemente con l’astrazione pittorica, costringendo lo spettatore a distogliere lo sguardo dal pensiero didascalico e caotico della città.

Niente deve essere pensato in un solo modo. Attraverso un silenzio metafisico in cui l’immagine è avulsa da un’idea di temporalità, Peill riesce a tirar fuori l’anima di un luogo non-luogo dove è volutamente assente la presenza umana.
L’artista così supera la problematica che vede da oltre un secolo la pittura sopravvivere nell’epoca del dilagare della fotografia, creando un piano dialogico tra due linguaggi così diversi, senza prevaricazione ma facendo in modo, invece, che l’uno diventi il complemento dell’altro.

Nel piccolo spazio che collega le due sale della galleria sono allestite una serie di raffinate carte in bianco e nero dove, ancora una volta Claudia Peill gioca in modo ricercato sul rapporto tra disegno e fotografia, tra immagine e astrazione.

La mostra rimarrà aperta fino al 22 aprile 2017.

Claudia Peill, nata a Genova nel 1963, si è diplomata all’Accademia di Belle Arti di Roma.
Tra le esposizioni personali: Galerie L&C Tirelli, Vevey, CH, (2016); Museo Andersen, Roma (2014); Mara Coccia Arte Contemporanea, Roma (2012); Hyunnart Studio, Roma (2009); Galerie Rossella Junck, Berlino (2008/09); Galleria Anna d’Ascanio, Roma (2006); Galleria Martano, Torino; Galleria Pack, Milano, (2004); Istituto Italiano di Cultura, Londra (2003); Galerie Andreas Brüning, Düsseldorf (2003); Istituto Italiano di Cultura, Colonia (2002); Museo Laboratorio Arte Contemporanea, Roma (2000); Galleria Civica Uusikuva, Kotka (2001); Photographic Center Peri, Turku (1998); Galleria Arco di Rab, Roma (1998); Istituto Europeo Design, Roma (1996); Galleria Stefania Miscetti, Roma (1993).
È presente in alcune collezioni pubbliche tra cui: Museo Pecci, Prato; Università Tor Vergata, Roma; GNAM La Galleria Nazionale Roma; Kunststiftung NRW Düsseldorf.
Vive e lavora a Roma.

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.