I Martedì Critici

Floating World

di Roza Vulf

ROMA

LEICA (Via Due Macelli, 57)

Martedì 10 aprile 2018

Roza Vulf è nata a Vilnius, Lituania, nel 1960, dove ha trascorso gran parte della sua vita adulta. E’vissuta, in seguito, a Lipsia, e si è successivamente trasferita a Roma, dove attualmente risiede.

In quanto fotografa di strada autodidatta, Vulf spesso cattura l’attimo fuggente, traducendo quanto da lei percepito dell’ambiente circostante, come, per esempio, una stazione di metropolitana, una strada o una spiaggia. Isola i suoi personaggi con i colori e con lo stile di quel particolare momento, dando vita a una simbiosi armoniosa e libera, che può essere solamente realizzata da qualcuno che lavora da sempre con i documentari.

La mostra “Floating World” (“Mondo Fluttuante”) affonda le proprie radici nell’arte giapponese del XVII secolo denominata Ukyio. Tale termine era stato originariamente tradotto come “mondo triste”, ma, con l’evoluzione del linguaggio, della letteratura e della maniera in cui il termine stesso viene utilizzato, Ukiyo-e attualmente si traduce con la frase “mondo fluttuante” (vale a dire il titolo della mostra) o “immagini sfuggenti del mondo”.

Le immagini fotografiche di Vulf sono imbevute di questa filosofia e della sua rappresentazione visiva, che consiste nell’esprimere l’amore per la realtà ordinaria, anonima e spontanea. La mostra è composta principalmente di immagini impregnate di solitudine e della profondità del pensiero umano, le quali tracciano una linea parallela con il significato iniziale di Ukyio-e.

“La nostra realtà quotidiana è caratterizzata dalla fragilità e provvisorietà dei momenti preziosi di cui è composta. Provo a catturare ogni attimo nel modo più armonioso, riflettendo, con i miei sentimenti, le emozioni di persone estranee.

‘My Floating World’ racchiude la diversità delle emozioni umane fondamentali: la felicità, la tristezza, la disperazione o la speranza “.

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *