I Martedì Critici

ECLETTICO DIODATO

ROMA

GALLERIA NAZIONALE D’ARTE MODERNA

Fino al 29 maggio 2016

La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea ospita, dal 21 aprile al 29 maggio 2016, la mostra antologica Baldo Diodato opere 1965-2016, a cura di Achille Bonito Oliva. 33 opere in 3 sale espositive, correlate da 4 video di performance realizzate tra Lucca, Roma e Napoli – con la partecipazione del musicista e compositore Antonio Caggiano, attori, ballerini e semplici passanti – ripercorrono l’attività artistica di Baldo Diodato attraverso le sue sperimentazioni e ricerche, utilizzando materiali differenti per plasmare le sue opere, dal rame all’alluminio colorato, dal legno alla tela.
Con influssi provenienti dalla pop art, minimal art, performing arts e l’arte concettuale, a caratterizzare le opere dell’artista sono le atmosfere dei luoghi in cui vive: possiamo dunque trovare l’allegria della Napoli barocca, la frenesia del passeggio Newyorchese, e la classicità eterna della Roma antica miscelate in un insieme alchemico dal timbro inconfondibile.
Diodato è attivo già dai primi anni Sessanta a Napoli, quando il linguaggio pop e la cultura partenopea si ritrovano per esempio nell’opera in mostra Still life by mail dove la sua attitudine ironica e spregiudicatamente sperimentale diventano la sua cifra stilistica. Nel periodo in cui vive a New York, guardando dalla finestra quadrata e vedendo il movimento incessante e costante dei passanti, decide di fissare i loro passi, lasciare una traccia nel tempo del loro cammino. Nasce così la performance J.F.K. Square Philadelphia, dove una tela 6 x 6 m, quadrata come la finestra, si è trasformata in un palcoscenico di sculture viventi. Le sue opere diventano così frutto di una collaborazione, di un noi creativo, che subentra, all’io artista. La geometria del quadrato, che è presente in quasi tutte le sue opere, era già stata utilizzata nella sua caratteristica primaria, essenziale, minimal, con le strutture esili dei Due cubi esposti alla “Modern Art Agency” di Lucio Amelio a Napoli nel 1967. Nel 1992 trasferitosi a Roma, l’artista passa dalla tela all’alluminio. Dà un senso nuovo alla sua arte pur senza spezzare nulla con il passato, ma anzi, partendo dal sanpietrino, simbolo unico di Roma, si collega al tassello dei mosaici di Pompei e ancora al quadrato della finestra Newyorchese.
La sua ecletticità lo porta ancora una volta a sperimentare: è con la tecnica del calco che trasforma i camminamenti su tela in nuove sculture, rivelazioni metalliche delle pavimentazioni di Roma, del segno del tempo sui sanpientrini che artista e pubblico
modellano con i colpi dei martelli, con un ritmo costante. La tela, il rame e l’alluminio continuano a coinvolgere, la ricerca artistica di Baldo Diodato, sono i suoi strumenti per catturare e imprimere l’azione delle persone, i loro passi, la loro partecipazione. Il 26 maggio 2016 alle ore 18.00 avrà luogo la performance di Antonio Caggiano dedicata all’opera di Diodato.

http://www.gnam.beniculturali.it/

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *