I Martedì Critici

Sette stagioni dello Spirito

NAPOLI

MADRE

Dal 16 dicembre 2016 al 20 marzo 2017

Sette Stagioni dello Spirito è stato un imponente progetto pluriennale, iniziato da Gian Maria Tosatti a Napoli nel 2013, ripercorrendo la traccia segnata da Il Castello Interiore (1577), libro in cui Santa Teresa d’Avila suddivide l’animo umano in sette stanze, trasfigurate dall’artista in altrettante, monumentali installazioni ambientali, realizzate senza un ordine temporale preciso e di volta in volta aperte al pubblico. Un’opera in progress dalla polisemia e dagli esiti complessi, tesa a ridefinire il rapporto fra arte e comunità e concepita come un unico grande romanzo, visivo e performativo, organizzato anch’esso in sette capitoli che trattano dell’animo umano, teso fra i limiti, antitetici ma complementari, del bene e del male.
Il progetto Sette Stagioni dello Spirito, nelle sue articolazioni territoriali, è stato promosso e organizzato dalla Fondazione Morra con il sostegno di Galleria Lia Rumma, in collaborazione con Regione Campania, Comune, Assessorato alla Cultura e Assessorato al Patrimonio del Comune di Napoli, Seconda Municipalità di Napoli, Vicariato della Cultura della Curia di Napoli, Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per Napoli e Provincia, Università Suor Orsola Benincasa, Accademia di Belle Arti di Napoli, Fondazione Ordine Ingegneri e Autorità Portuale di Napoli.

La Fondazione Donnaregina per le Arti Contemporanee ha apprezzato fin dall’esordio il progetto conferendo a tutti i capitoli delle Sette Stagioni dello Spirito il MATRONATO, ovvero il proprio programma di patrocinio, volto al riconoscimento e alla promozione di progetti (aventi sede in una delle seguenti regioni italiane: Campania, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna), che, per il loro valore e qualità culturale, stimolino la coesione sociale, la ricerca scientifica e umanistica, il dialogo fra diverse discipline, il supporto alla produzione e alla mediazione artistica quali fonte e stimolo di progresso collettivo.
Questa mostra di Gian Maria Tosatti, ospitata al secondo piano del Museo MADRE, restituisce in una grande prospettiva, finalmente unitaria, il racconto di quest’esperienza.

Inoltre da lunedì 19 dicembre 2016 a sabato 7 gennaio 2017 (chiuso il martedì), dalle ore 10:00 alle ore 16:00, sarà visitabile anche l’installazione 7_Terra dell’ultimo cielo presso il Convento della Santissima Trinità delle Monache, via Santa Lucia al Monte, Napoli.
Per informazioni contattare la galleria Lia Rumma al numero 081 19812354 (dal martedì al sabato, dalle ore 10 alle 19:00).

Gian Maria Tosatti (Roma, 1980. Vive e lavora a New York). I suoi progetti sono indagini a lungo termine su temi legati al concetto di identità, sia sul piano politico che spirituale. Le sue opere principali appartengono ai cicli Devozioni (2005-2011), Fondamenta (2011- in progress) e Le considerazioni (2009 – in progress). Ha esposto, tra gli atri: presso il Centro Wilfredo Lam (L’Avana, 2015); l’Hessel Museum del CCS BARD (New York, 2014); Casa Testori (Milano, 2014); American Academy in Rome (Roma, 2013); Museo Villa Croce (Genova, 2012); Tenuta dello Scompiglio (Lucca, 2012); il Lower Manhattan Cultural Council (New York, 2011); Chelsea Art Museum (New York, 2009); Palazzo delle Esposizioni (Roma, 2008). Sue opere permanenti sono esposte presso il MAAM (Roma) e Castel Sant’Elmo (Napoli).

http://www.museomadre.it

 

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *