I Martedì Critici

I Martedì Critici a colloquio con PEPPE MORRA

14444986_1632700223695507_8219519551484805249_oROMA

 

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA

7 novembre 2017, 18,30

A cura di Alberto Dambruoso e Guglielmo Gigliotti
Introduce Tiziana D’Acchille, Direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Roma

Martedì 7 novembre avrà luogo il settimo appuntamento della stagione autunnale de «I Martedì Critici», gli incontri con i protagonisti della scena contemporanea organizzati dall’«Associazione Culturale I Martedì Critici», giunti all’ottavo anno di attività.
La programmazione prevede la partecipazione di numerose figure di primo piano del mondo dell’arte contemporanea, attive in Italia e all’estero, in una serie di appuntamenti che si svolgeranno in diverse sedi, l’Istituto Italiano di Cultura Il Cairo, l’Art Forum Würth Capena e l’Accademia di Belle Arti di Roma.
Ospite del settimo appuntamento stagionale de «I Martedì Critici» sarà Peppe Morra, figura di spicco nel panorama artistico napoletano e internazionale, gallerista, collezionista, mecenate, promotore e agitatore culturale.
Coraggioso e visionario sin dai suoi esordi, amante dell’arte e della sua funzione sociale, nel 1968 Giuseppe Morra fonda a Napoli con alcuni amici il progetto Centro d’Arte Europa e nel 1970-71 la rivista Silence Walk. Nel 1974, su suggerimento di Lucio Amelio, visitatore di una sua mostra dedicata a Sergio Lombardo, Morra decide di trasferire la sua attività dal Vomero al centro di Napoli, inaugurando così lo Studio Morra di via Calabritto 20. Appassionato dei movimenti d’avanguardia, dell’Azionismo Viennese e della Body Art, abituato a intendere l’arte come fenomeno travalicante le mura di uno spazio espositivo, come espressione a servizio della città, sperimentatore nello spazio pubblico, affascinato dalle forme artistiche nate dall’unione di diversi stili e discipline, attira nei suoi spazi artisti come Hermann Nitsch, Günther Brus, Urs Lüthi, Gina Pane, Joe Jones, Marina Abramovic, Bob Watts e Peter Kubelka, Allan Kaprow, Bruno Munari, si fa promotore del gruppo Fluxus e delle sperimentazioni di poesia visiva.
Nel 1992, Giuseppe Morra trasferisce la sua attività al Rione Sanità e costituisce la Fondazione Morra, dedicata alla ricerca, alla conoscenza, all’archiviazione, divulgazione e valorizzazione delle opere, alla promozione e trasmissione della cultura contemporanea. Dal Palazzo dello Spagnuolo avvia la sua operazione artistica e sociale, nel tentativo di contribuire alla riqualificazione civile, estetica, filosofica e urbanistica di un quartiere degradato e in costante condizione di bisogno.
Nel 2004, Giuseppe Morra, insieme a Francesco Coppola, Roberto Paci Dalò, Nicoletta Ricciardelli e Pasquale Persico, lancia l’idea-progetto del Quartiere dell’Arte, con l’intento di contribuire alla riqualificazione e rigenerazione dell’area urbana del quartiere Avvocata di Napoli, sfruttando l’energia propulsiva dell’arte e della cultura.
Nel 2008, inaugura in Vico Lungo Pontecorvo, a Napoli, il Museo Archivio/Laboratorio Hermann Nitsch, dedicato a uno degli artisti a lui più cari, luogo di raccolta e di esposizione, organismo culturale attivo, che offre alla città un Centro di Documentazione, un Dipartimento per il Cinema Sperimentale Indipendente, una Discoteca di Musica Contemporanea, un Centro per le Arti Performative e Multimediali, una Biblioteca delle Avanguardie e Neoavanguardie.
Inarrestabile ed instancabile, nel 2016 Giuseppe Morra inaugura, nell’antico Palazzo Ayerbo D’Aragona Cassano, Casa Morra – Archivio d’Arte Contemporanea, uno spazio di 4.200 mq, destinato ad ospitare le oltre 2000 opere della sua collezione, con artisti del calibro di Julian Beck, Marina Abramovic, Gina Pane, Hermann Nitsch, Shozo Shimamoto, Joseph Beuys, l’Archivio Living Theatre e gli Archivi Mario Franco su arte e cinema, e ad offrire, nel corso degli anni alla città mostre dedicate agli artisti della Fondazione e a quelli dell’ultima generazione. Con una programmazione definita fino al 2116, Peppe Morra sceglie di guardare al futuro e di sfidare il tempo, pianificando cento anni di mostre, attraverso il meccanismo del gioco dell’oca, fatto di rimandi, attraversamenti e ritorni. Luogo poliedrico, di creatività, ricerca, workshop, poesia, teatro, musica, cinema, seminari, convention, meeting e residenze d’artista, Casa Morra racconterà nel tempo alla città un segmento importante della storia delle avanguardie contemporanee italiane ed internazionali, e rappresenterà un bacino di sperimentazioni, confronti e riflessioni per i giovani artisti emergenti. Domenica 8 ottobre 2017, Casa Morra presenta la mostra I giganti dell’arte dal teatro: Julian Beck – Hermann Nitsch – Shozo Shimamoto e Joseph Beuys – Archivio Living Theatre – Archivi Mario Franco, inaugurando così il suo secondo anno di attività e il secondo dei cento eventi espositivi in programma.
Nell’ottobre del 2017, Giuseppe Morra riceve il premio “La Fabbrica nel Paesaggio”, assegnatogli dalla Federazione Italiana Club e da Centri UNESCO, che gli riconosce il merito di aver salvato, recuperato e valorizzato l’antica “Vigna di San Martino”, da lui acquistata nel 1988, averla resa un bene dall’enorme valore paesaggistico e averla restituita alla città e ai suoi abitanti.

http://www.imartedicritici.com

 

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *